Nadia Simonato

Una poesia sulla Madre Terra di Gibran Kahlil

Benvenuti in Paradiso

Dei cinque elementi, la Terra è il più solido, fermo e concreto: con la sua presenza reale, piena, si contrappone alla forza eterea, leggera e penetrante dell’aria. Contiene il fuoco che a profondità inaudite divampa dai metalli liquidi; governa l’acqua che zampilla dalle sue viscere. Protettrice delle energie primarie, grande madre di tutte le forme viventi, la terra viene definita nella Genesi “materia prima” e nel libro dei mutamenti (I Ching) corrisponde al segno della forza ancestrale del femminile che accoglie, nutre, protegge. Tutte le culture primitive più vicine alla natura hanno riconosciuto il potere vivificante della terra, e spesso l’hanno considerata un organismo unico, un’unità viva e pulsante capace di configurarsi in vegetazione, animali ed esseri umani.

Secondo molti popoli, la terra era il corpo stesso di una dea dispensatrice di energia , salute, prosperità, e tutto ciò che dalla dea proveniva era dotato di vita, così…

View original post

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *