Nadia Simonato

Shiatsu: la poesia del tocco!!

In questi giorni, mi sono ritrovata  a rileggere un articolo che ho pubblicato qualche  anno fa sull’importanza del contatto/tatto per la salute psicofisica e su come lo Shiatsu si basi sul senso del tatto.
Mi sono sorte una serie di domande e considerazione rispetto al periodo che attualmente stiamo vivendo! Ci troviamo a dover mantenere un “distanziamento di almeno un metro”,  il contatto è  bandito dal nostro quotidiano per difenderci, ma  lo stesso “contatto” che rappresenta un periodo di contagio, contiene in se stesso la cura, la protezione per salvaguardare la nostra salute psicofisica.
Ecco che, proprio perché stiamo attraversando un momento particolarmente difficile, il poter  agire e nutrire un “sano contatto”  almeno all’interno del nucleo familiare, tra congiunti acquisisce ancor maggior valore e importanza.
La pratica dello Shiatsu, che si basa sul tatto,  nasce da antiche tradizioni che in primis venivano  acquisite e praticate in famiglia. La forza di comunicazione, scambio e condivisone che  nascono  dalla sua pratica possono  essere  strumento di trasformazione e sostegni  importanti.
Una “sana comunicazione non verbale” applicata attraverso un tocco rispettoso/attendo/gentile ci può aiutare a superare anche divergenze e contrarietà, aiutare a cogliere altri modi diversi di vedere/sentire la realtà e poter lasciare spazio alla diversità.
Il tatto
Come ognuno di noi ben ricorda ancora dai primi anni scolastici, abbiamo 5 sensi fisici, 4 dei quali sono concentrati sulla testa (vista, udito, olfatto e il gusto) , solo il quinto: il tatto si estende per tutta la superficie del corpo. Organo del tatto è la pelle, è perciò l’organo più grande del nostro corpo.
Essa è in continua crescita e rinnovamento verso l’esterno. Si disfa quotidianamente del primo strato superficiale e si rinnova completamente in un periodo di 30 giorni. Il nostro corpo in movimento disperde continuamente particelle cutanee morte, possiamo dire che siamo in qualche modo delle comete sciamanti.
Le principali funzioni della nostra pelle sono di:  comunicazione,  difesa,  eliminazione di tossine, in una parola possiamo di dire di “scambio”.
La pelle è un organo complesso e affascinante, e uno dei primi a svilupparsi.
Secondo la “embriologia”, la scienza che studia lo sviluppo embrionale, una funzione che si sviluppa precocemente è molto probabile che si tratti di una funzione essenziale per la vita dell’organismo.
La pelle ha origine dal più esterno dei tre foglietti embrionali: (l’ectodema) dal quale si formano il sistema nervoso e tutti i tessuti degli organi di senso.
La pelle è il nostro più antico mezzo di comunicazione, fin dai primi momenti di vita ( non solo dopo la nascita, ma anche nella fase intra uterina) riceviamo attraverso la pelle le informazioni che saranno poi basilari per il nostro benessere psicofisico e per un armonico sviluppo del nostro potenziale.

L’importanza della stimolazione tattile nel neonato è stata ampiamente studiata e dimostrata anche scientificamente, tanto che in molti ospedali ora si permette e si incoraggia nei casi di bimbi nati prematuri, anche durante la delicata fase di permanenza nell’incubatrice, la presenza e il contatto tattile sia da parte dei genitori, sia da operatori specializzati.
Io stessa, con altri colleghi della Scuola Internazionale abbiamo collaborato presso il reparto di Patologia Neonatale dell’Ospedale di Padova e  con il Reparto di Terapia Intensiva, sempre della Pediatria dell’Ospedale di Padova, in un progetto antidolore per aiutare attraverso il contatto la produzione naturale di endorfine e permettere così di ridurre la quantità di farmaci che i piccoli pazienti sono costretti ad assumere per sopportare le sensazioni dolorose.

Visione somo-psichica
Da molto tempo la medicina psicosomatica ha dimostrato che quanto succede nelle mente può rivelarsi in svariati modi nella pelle (Visione psicosomatica).
Ma solo più recentemente (negli ultimi 50 anni) interessanti studi condotti in particolare dallo studioso Ashley Montagu hanno invece brillantemente dimostrato come le esperienze di tipo cutaneo influenzino lo sviluppo comportamentale dell’uomo, (visone somopsichica) in particolare come la carenza o mancanza di comunicazione tattile creino squilibri e disagi profondi e abbia un’incidenza decisiva nello sviluppo dei rapporti emotivi e affettivi. Contatto e amore sono strettamente connessi, in altre parole si impara ad amare non perchè ce lo insegnano ma per il fatto di essere amati.
Il bisogno di contatto non si limita perciò  ai primi anni di vita, ma se pur in minor misura permane e influenza in modo importante la nostra capacità di percezione di noi stessi, le nostre emozioni, il nostro equilibrio psicofisico.
Anche da adulti, se pur in misura minore, continuiamo ad essere influenzati dal tocco delle persone attorno a noi, un abbraccio, una semplice stretta di mano, possono far riaffiorare contenuti del nostro inconscio, ma anche apportare nuove modalità di comunicazione che possono nutrire bisogni profondi.
La visione psicosomatica e di quella somopsichica si integrano a vicenda.
Il tatto crea sensazioni e stimola il sistema nervoso, stimola la produzione di endorfine e senso di benessere.
Visione orientale
Tutte queste ricerche e sperimentazioni vanno a confermare realtà ben assodate in antiche tradizioni e culture del passato. Per esempio la Medicina Tradizionale Cinese, circa 5.000 anni fa, aveva già una visione così ampia dell’importanza della comunicazione tattile, e come la pelle sia collegata alle funzioni escretorie dell’intestino e a quelle respiratorie dimostrate appunto con gli esperimenti eseguiti sugli animali.
Su questa antica tradizione si fondano le basi dello Shiatsu, che poi si diffonde in Giappone e da cui nel resto del mondo in tempi recenti grosso modo negli ultimi 100 anni.

Contatto è soprattutto scambio, dove i ruoli “attivo e passivo” si fondono uno nell’altro, è più un riscoprire capacità innate sepolte dentro di noi, che un imparare qualcosa di nuovo.

Condividi

0 Commenti

  1. Valter Vico

    L’ha ribloggato su ViVa Shiatsu, lo Shiatsu a Torino.

    Rispondi
  2. shiatsunaet

    L’ha ribloggato su Shiatsunaet's Blog.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *